Immobili
Veicoli
Un altro giorno di guerra: segui il live
Secondo il cancelliere tedesco Olaf Scholz, Putin stava preparando la guerra da mesi (se non anni)
Sloviansk, nel Donetsk, sarebbe stata raggiunta da bombe a grappolo, stando ad Unian

Nella giornata di ieri (qui il nostro live) si è verificata l'ennesima strage di civili innocenti. Mentre ancora si rimuovono le macerie del centro commerciale bombardato a Kremenchuk, un nuovo attacco missilistico russo ha centrato in pieno un condominio e un centro ricreativo nella regione meridionale di Odessa: almeno 21 le vittime accertate, 16 rimaste uccise negli appartamenti e cinque nel luogo di ritrovo, tra cui un dodicenne, mentre altre 39 persone sono state ferite, compresi sei bambini. «È un atto terroristico», ha denunciato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. L'attacco nella regione di Odessa non è però stato l'unico. Con le bombe russe che continuano a mietere vittime in tutto il Paese.

13:41

270 missili su Sumy
Nella regione di Sumy, nell'Ucraina nordorientale, sono stati sparati nelle ultime 24 ore circa 270 missili di vario calibro. Lo ha riferito il governatore regionale, Dmytro Zhivytsky, come riportano i media ucraini. Gli attacchi hanno provocato il ferimento di una donna di 64 anni nell'area di Shalyginsk. «Ci sono anche danni alle infrastrutture: case di civili, fattorie, reti elettriche e una torre idrica», ha spiegato il governatore. (fonte ats)

13:39

Mosca: «L'esercito ucraino sta subendo perdite»
Secondo il Ministero della Difesa russo, le Forze Armate ucraine stanno subendo notevoli perdite in tutti i settori. «Il nemico sta subendo notevoli perdite in tutti i settori. Tre battaglioni della 10ma brigata d'assalto e della 72ma brigata di fanteria hanno perso oltre il 50% delle loro truppe al di fuori degli insediamenti di Verkhnokamianka e Zolotarivka solo nelle ultime 24 ore di combattimenti», ha dichiarato sabato il portavoce del Ministero della Difesa russo Igor Konashenkov durante un briefing citato dalla Tass. Secondo Konashenkov, l'aviazione russa ha colpito un deposito temporaneo di armi e hardware in una fabbrica di trattori a Charkiv: «Sono stati uccisi fino a 30 soldati e distrutti dieci veicoli blindati», ha detto (fonte ats).

 

13:04
13:02

Scholz: «Putin aveva già deciso, probabilmente già un anno prima»
«Penso che la decisione di intraprendere questa guerra sia stata presa (da Putin, ndr.) un anno prima dell'inizio, o forse prima, perché si stava preparando. E quindi potrà continuare la guerra per molto tempo». Così si è espresso il cancelliere tedesco Olaf Scholz in un'intervista alla CBS, come riporta Ukrainska Pravda. «Nessuno lo sa davvero», ha risposto Scholz quando gli è stato chiesto quando Putin avrebbe esaurito le risorse per continuare la guerra, ma la pianificazione a lungo termine, ha detto il cancelliere, mostra che è pronto per una lunga guerra. Scholz ha anche affermato che sebbene Putin «non lo ammetta», la Russia sta risentendo degli effetti delle sanzioni occidentali. (Fonte ats)

12:32
12:31

Gigantesche esplosioni a Popasnaya
L'esercito ucraino ha colpito un magazzino di munizioni russo nel Donbass, causando una gigantesca esplosione: molto probabilmente nel deposito c'era una grande quantità di proiettili. Lo rende noto lo Stato Maggiore ucraino rilanciando un video della deflagrazione. Lo riporta Unian. Il magazzino distrutto si trovava a Popasnaya. Il video mostra inizialmente una piccola colonna di fumo nell'area dell'impatto e dopo dieci secondi una colossale detonazione di munizioni. Dopo lo scoppio si sono formate enormi nuvole di polvere e fumo, che si sono alzate per decine di metri. (fonte ats)

10:36

Piccoli progressi dei russi
La Russia fa «piccoli progressi» intorno a Lysychansk. Lo afferma l'ultimo rapporto del ministero della Difesa britannico come riporta il Guardian. Secondo l'intelligence britannica, le forze russe stanno continuando a compiere «piccoli progressi» nella città strategica di Lysychansk, nell'Ucraina orientale, con attacchi aerei e di artiglieria nel distretto. Le forze ucraine probabilmente continuano a bloccare le forze russe nella periferia sud-orientale della città. (fonte ats)

10:35

Vecchi missili antinave
L'intelligence britannica ritiene che la Federazione Russa stia utilizzando vecchi missili antinave durante gli attacchi a terra a causa di una possibile riduzione delle scorte di armi più moderne. Lo riporta Ukrainska Pravda. Nel report si mette in guardia dal rischio di danni collaterali a causa dell'imprecisa mira dei missili più vetusti. «Come notato, l'analisi dei filmati delle telecamere a circuito chiuso mostra - afferma l'intelligence Gb - che il missile che ha colpito il centro commerciale Kremenchuk il 27 giugno 2022 era probabilmente un Kh-32. Questa è una versione modernizzata del missile Kh-22 dell'era sovietica». Secondo l'intelligence britannica, sebbene il Kh-32 abbia diverse caratteristiche migliorate rispetto al Kh-22, «non è ancora ottimizzato per l'impegno di precisione di bersagli a terra, specialmente negli ambienti urbani» e «ciò aumenta significativamente la probabilità di danni collaterali quando si prendono di mira aree edificate». Secondo l'intelligence, anche gli attacchi del 30 giugno 2022 nella regione di Odessa sono stati probabilmente effettuati da missili Kh-22. (Fonte ats)

10:31

Bombe a grappolo su Sloviansk
I russi hanno lanciato bombe a grappolo su Sloviansk, nel Donetsk, uccidendo 4 persone e ferendone altre 7. Lo ha annunciato il capo dell'amministrazione militare-civile della città di Sloviansk, Vadym Lyakh, sulla sua pagina Facebook, come riporta Unian. «Il microdistretto di Lymany - afferma - è stato preso di mira. Barvinkivska, Pidhirna, Danylevsky Street. Un settore privato pacifico dove non ci sono strutture militari. Di conseguenza, quattro persone sono morte e sette sono rimaste ferite». «Sloviansk è stata colpita con proiettili a grappolo. Si aprono sopra la testa, come fuochi d'artificio, ma invece della bellezza, portano la morte. Tali proiettili non causano la distruzione totale degli edifici. Ma sono molto pericolosi per le persone. Il 90% delle persone uccise e ferite era per strada». Lyakh ha invitato i residenti della città a non lasciare le abitazioni «senza necessità urgenti e ad evitare assembramenti di persone». (fonte ats)

09:04

Potenti esplosioni a Mykolaiv
Forti esplosioni sono state udite nelle prime ore di oggi nella città ucraina di Mykolaiv, stando a quanto indica il sindaco Oleksandr Senkevich in un post su Telegram in cui invita la popolazione a rimanere nei rifugi. Le esplosioni sono state precedute da sirene antiaeree. Lo riferisce Reuters sul suo sito web. (fonte ats)

09:02