Immobili
Veicoli

UCRAINA: SEGUI IL LIVEIl 105esimo giorno di guerra: segui il LIVE

08.06.22 - 06:58
L'Ucraina ha aggiornato il bilancio dei decessi tra le truppe russe: «Mosca ha sulla coscienza 300 morti al giorno»
keystone-sda.ch
L'Ucraina ha aggiornato il bilancio dei decessi tra le truppe russe: «Mosca ha sulla coscienza 300 morti al giorno»
Intanto più di mille soldati ucraini catturati a Mariupol sono stati trasferiti in Russia: «Devono essere processati».

La giornata odierna potrebbe essere cruciale per la creazione di corridoi che permettano l'espropriazione di grano dall'Ucraina e disinnescare così una crisi alimentare mondiale. Il capo della diplomazia russa Serghei Lavrov è infatti giunto ieri in Turchia per definire i dettagli. Nel frattempo in Ucraina proseguono i combattimenti, con la Russia che ha preso il controllo totale delle aree residenziali di Severodonetsk. Segui il live.

15:53

Scambio di cadaveri
L'Ucraina ha confermato uno scambio con la Russia di 50 corpi di militari rimasti uccisi nel conflitto. Per la parte ucraina, 37 corpi erano dei soldati morti nell'acciaieria di Mariupol, ha reso noto il governo di Kiev, come riportano i media locali. Lo scambio sarebbe avvenuto sulla linea di contatto nella regione di Zaporizhzhia, nel sud-est del Paese. (fonte ats)

14:39
14:28
keystone-sda.ch
14:22

Grano, a Sebastopoli il primo treno da Zaporizhzhia
Il primo treno di grano partito dalla regione ucraina occupata dai russi di Zaporizhzhia è arrivato a Sebastopoli, in Crimea: erano otto anni che questo non avveniva. Lo ha dichiarato all'agenzia di stampa non governativa russa Interfax il consigliere del capo filorusso della regione, Oleg Kryuchkov. Il traffico ferroviario tra la Crimea e le regioni ucraine si è interrotto alla fine del 2014, dopo l'unificazione della Crimea con la Russia. L'11 marzo scorso, il capo della Crimea, Sergei Aksyonov, ha dichiarato che il traffico ferroviario è stato ripristinato tra la Crimea e Kherson. (fonte ats)

14:01

Nessun incontro in vista tra Putin e Zelensky
«Al momento non è in discussione un possibile incontro tra (il presidente russo) Vladimir Putin e (il suo omologo ucraino) Volodymyr Zelensky». Lo fa sapere il Cremlino, citato dall'agenzia di stampa ufficiale russa Tass. (fonte ats)

09:33

I russi vogliono prendere Severodonetsk entro il 10 giugno
«Nessuno si arrenderà a Severodonetsk. I russi vogliono catturare la città entro il 10 giugno. Si stanno svolgendo feroci battaglie, i nostri difensori stanno combattendo per ogni centimetro della città», ha dichiarato il capo militare regionale del Lugansk Sergiy Gaidai, citato dal quotidiano britannico The Guardian. «I russi non controllano la strada Lysychansk-Bakhmut, ma sparano pesantemente. Noi non usiamo questa strada, è troppo pericolosa. Le truppe russe progettano nuovamente di attraversare il fiume Seversky Donets per creare una testa di ponte per l'offensiva», ha aggiunto. (fonte ats)

07:49
KeystoneLa Croce Rossa dipinta sul tetto dell'ospedale di Severodonetsk non ha fermato le bombe.
07:48

Rasi al suolo altri due ospedali
Due ospedali sono stati distrutti dai bombardamenti russi a Severodonetsk e Rubizhne, nell'Ucraina orientale, come mostrano le nuove immagini satellitari scattate da Maxar Technologies e pubblicate dall'emittente televisiva statunitense Cnn (vedi sopra). Sul tetto della struttura ospedaliera di Severodonetsk era stata dipinta una grande croce rossa. Nel sud di Rubizhne oltre all'ospedale sono stati rasi al suolo anche un'azienda farmaceutica e gli edifici circostanti.

07:28

La fuga del rabbino capo di Mosca
Sul "fronte" russo si è appreso che il rabbino capo di Mosca, Pinchas Goldschmidt, è fuggito dalla Russia dopo essere stato sottoposto a pressioni per sostenere l'invasione dell'Ucraina. Lo rende noto Avital Chizhik-Goldschmidt, giornalista negli Stati Uniti e nuora dell'autorità religiosa ebraica.«Posso finalmente rendere noto a tutti - scrive la reporter sul suo account Twitter - che i miei suoceri sono stati messi sotto pressione dalle autorità per sostenere pubblicamente la "operazione speciale" in Ucraina e si sono rifiutati di farlo. Sono fuggiti in Ungheria due settimane dopo l'invasione russa e ora sono in esilio dalla comunità che hanno amato e costruito e in cui hanno cresciuto i loro figli per oltre 33 anni», conclude Chizhik-Goldschmidt.

07:24

«Stop alla vendita di gas e carbone ucraini»
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato che l'Ucraina sospenderà tutte le esportazioni di gas e carbone, in vista di quello che secondo lui sarà «l'inverno più difficile di tutti a causa della guerra». «Non venderemo i nostri gas e carbone all'estero - ha detto Zelensky nel suo ultimo video-messaggio. Tutta la produzione si concentrerà sulla soddisfazione della domanda interna». Il primo ministro ucraino Denis Shmygal ha affermato da parte sua che la produzione di carbone nelle miniere statali è diminuita di un terzo dalla fine di febbraio e ha raccomandato di «prepararsi per la stagione di riscaldamento più difficile di sempre in Ucraina».

06:50

«Oltre 31mila soldati russi uccisi»
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha fornito il bilancio delle vittime russe. «Oltre 31'000 militari russi sono morti in Ucraina. Dal 24 febbraio - ha precisato - la Russia ha sulla coscienza la vita di quasi 300 soldati al giorno per questa guerra completamente insensata contro l'Ucraina».

06:47

Mille prigionieri trasferiti
Sono più di mille i soldati ucraini arresisi a Mariupol che sono stati trasferiti in Russia per indagini. A riferire questo numero è il Tass, che cita una fonte delle forze russe. L'Ucraina sta lavorando affinché i prigionieri vengano riconsegnati, mentre Mosca vorrebbe processarli. 

06:44

Severodonetsk in mano russa
Le aree residenziali di Severodonetsk sono «totalmente» sotto il controllo russo. Dopo giorni di furiosi combattimenti, con continue rivendicazioni di capovolgimenti di fronte, la città più a est in mani ucraine sembra definitivamente caduta. E con il suo centro urbano, il 97% della regione di Lugansk è passato nelle mani di Mosca. A rivendicarne la presa è direttamente il ministro della difesa russo, Serghei Shoigu, che nelle scorse settimane si era esposto su conquiste territoriali abbastanza consolidate.

06:40
Keystone