Reuters
RUSSIA
06.07.2021 - 06:300
Aggiornamento : 07:03

I russi che non vogliono lo Sputnik (né altri vaccini)

Il Covid ha rialzato la testa in Russia, ma le vaccinazioni vanno a rilento. Solo il 17% ha ricevuto almeno una dose

MOSCA - Solo un paio di mesi fa, la Russia celebrava le gesta del vaccino Sputnik. A fare da grande "spot" pubblicitario era stata la Repubblica di San Marino. La Serenissima, grazie al siero di produzione russa, si era dichiarata di fatto fuori dall'emergenza, riaprendo i suoi confini ai turisti. Un invito aperto anche a quelli intenzionati a farsi immunizzare dal Covid tra una passeggiata alla Porta di San Francesco e una gita alla Rocca. Quello stesso vaccino però non si sta rivelando profeta in patria.

In Russia lo Sputnik V non è praticamente mai salito in orbita. Nel Paese solamente il 17% della popolazione ha ricevuto almeno la prima dose di un vaccino per il Covid. Una percentuale che - stando ai dati raccolti da Our World In Data - scende a poco più del 12% se si conta invece la quota di persone che hanno completato la vaccinazione.

E così la Russia, che per prima l'estate scorsa aveva annunciato in pompa magna l'omologazione del primo vaccino contro il Covid-19 - avviando poi la campagna vaccinale agli inizi del dicembre 2020 -, si trova nella condizione di non riuscire a vaccinare i propri cittadini. Né con lo Sputnik, né con gli altri preparati omologati nel Paese. Il motivo? La grande diffidenza, che unita ai proclami di sconfitta della pandemia, all'abolizione delle restrizioni e al vigore della variante Delta del virus, più contagiosa rispetto ai precedenti ceppi di SARS-CoV-2, ha fatto rialzare la testa alla curva dei contagi.

Il virus ha rialzato la testa
Il 4 di luglio Mosca ha annunciato oltre 25mila nuove infezioni confermate nelle 24 ore precedenti. Cifre che si avvicinano sempre più ai picchi registrati nel corso della seconda ondata, tra l'autunno e la primavera passata. La vetta che invece è già stata superata è quella dei decessi, che ha toccato la quota massima di 697 vittime legate al Covid il 3 luglio scorso. Il virus, a differenza delle vaccinazioni, corre a gran velocità in Russia, che localmente ha iniziato a implementare nuove restrizioni.

E così l'obiettivo del Cremlino, che puntava a immunizzare il 60% della popolazione russa entro la fine di agosto, sembra allontanarsi all'orizzonte. E la data, per ora, sembra difficile da pronosticare.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 2 mesi fa su tio
E fanno bene! Chi si fida del dittatore e del suo sistema. I vaccini buoni sono solo per gli oligarchi e compagnia bella del dittatore!
red_monster 2 mesi fa su tio
@seo56 Allora crepa
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 06:47:38 | 91.208.130.89