Immobili
Veicoli
Keystone
Uno dei manifesti a favore della vaccinazione, in Romania.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
5 ore
Per un giurato “disonesto” il processo a Maxwell è da rifare?
Era stato vittima di abusi da bambino e non l'aveva detto, secondo i legali della difesa questo inficia il procedimento
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La vaccinazione in Austria diventa obbligatoria
La misura entrerà in vigore dal prossimo 4 febbraio. È il primo Paese europeo a introdurla
STATI UNITI
7 ore
Si chiude il capitolo sulla Sindrome dell'Avana
La Cia ammette che il malore che ha toccato centinaia di americani non è stato causato da potenze straniere
GERMANIA
8 ore
Abusi a Monaco: «Scosso e mortificato»
Nei prossimi giorni Benedetto XVI esaminerà «con la necessaria attenzione» il rapporto
FOTO
YEMEN
8 ore
«Vasta operazione» saudita contro gli Huthi
Riad ha annunciato l'offensiva aerea in sostegno degli Emirati Arabi Uniti, colpiti da un attacco lunedì scorso
BRASILE
9 ore
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
ITALIA
12 ore
L'incidente nel 1987, il risarcimento ora (ma ormai è deceduto)
L'uomo è purtroppo morto nel frattempo, i soldi andranno quindi ai famigliari
GERMANIA
13 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
14 ore
Terremoto in Calabria, evacuate le scuole
Il sisma ha avuto epicentro in mare, al largo di Vibo Valentia
ITALIA
14 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
15 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
17 ore
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
ITALIA
17 ore
I rapper Baby Gang ed Ezza in manette a Milano con l'accusa di rapina
L'arresto avvenuto nel Milanese. I furti compiuti in gruppo ai danni di ragazzini per le vie della movida milanese
EUROPA DELL'EST
01.07.2021 - 22:300
Aggiornamento : 23:36

In pochi si vaccinano, e le dosi finiscono nel pattume

Le autorità di Romania e Bulgaria non riescono a convincere la popolazione a farsi vaccinare, e alcune dosi sono scadute

I Governi stanno ora pensando a cosa fare con le dosi in eccesso, se venderle o donarle

BUCAREST / SOFIA - Sebbene le dosi siano arrivate, le campagne di vaccinazione in Romania e Bulgaria stanno ristagnando, poiché molti cittadini non vogliono essere vaccinati. 

Lo riporta Bloomberg, che ha illustrato come, con il crollo della domanda, enormi scorte di vaccini rimangono inutilizzate, avvicinandosi sempre più alla fatidica data di scadenza. Sebbene i funzionari siano alla ricerca disperata di qualcuno da vaccinare, purtroppo non si sta riuscendo a somministrare tutte le dosi a disposizione.

Mercoledì, in Romania, 35'000 dosi di AstraZeneca sono scadute. I produttori stanno ora cercando di capire se la durata di conservazione possa essere estesa, se no dovranno essere distrutte. Un'opzione triste e inaccettabile vista la carenza di vaccini altrove, come in molti Paesi a basso reddito. La Bulgaria, invece, ha 20'000 dosi in scadenza a fine luglio, con la speranza di poterne usare molte come secondi dosi. 

Strategie e campagne
Per convincere la popolazione, le autorità hanno inizialmente puntato su ampie campagne pubblicitarie nelle città, ma senza un grande successo.

In Romania, il Governo sta ora provando a spostare la sua attenzione dalle città alle aree rurali nel tentativo di salvare la sua campagna, puntando sui medici locali che hanno stretti legami con le comunità, per aiutare a convincere la gente dei benefici della vaccinazione. Difficile pensare, però, che la strategia possa cambiare di molto le cose.

Nel frattempo, le prossime consegne stanno già arrivando: la Romania dovrebbe già ricevere altre 4,4 milioni di dosi nei prossimi due mesi.

Ritardare, donare, vendere
Per questo, entrambi i Paesi vorrebbero ritardare le consegne, per evitare un eccesso dell'offerta con una domanda stagnante. Ma ritardare non basta, e i due Stati stanno cercando altri modi per non sprecare i flaconi.

In Bulgaria, il Governo prevede di donare 150'000 dosi ai paesi vicini nei Balcani, ma non è un'opzione che piace a tutti: la lobby del turismo vorrebbe invece vengano vaccinati in modo gratuito i turisti stranieri che si recano nel Paese. «Poiché la Bulgaria e tutti noi abbiamo pagato per quelle dosi. Suggeriamo che siano usate per stimolare il turismo dei vaccini, invece di buttarle nel cestino», ha detto qualche giorno fa Polina Karastoyanova, direttore generale dell'Ente Nazionale del Turismo.

La Romania, intanto, ha accettato questa settimana di vendere quasi 1,2 milioni di dosi di Pfizer alla Danimarca. «Riceviamo richieste ogni giorno», ha detto il primo ministro Florin Citu. «Stiamo vendendo alla Danimarca e venderemo anche ad altri Paesi». 

Sfiducia e scetticismo
L'esitazione tra i cittadini dei due paesi deriva da una sfiducia di lunga data nelle autorità, ma anche dallo scetticismo nei confronti dei vaccini, in particolare dopo le discussioni sui problemi di sicurezza del preparato di AstraZeneca. In Romania, solo il 24% della popolazione è completamente vaccinata, in Bulgaria la cifra è addirittura la metà (12%).

Come ribadito oggi in conferenza stampa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, i bassi tassi di vaccinazione sono un fattore che rischia di compromettere gli sforzi dell'Unione europea di superare la pandemia.

Infatti, la variante Delta del virus sta già iniziando a imperversare, mentre le restrizioni sanitarie vengono allentate e la gente si imbarca nelle vacanze estive, un mix pericoloso, che potrebbe portare - come ha avvertito l'Oms - a una nuova ondata già ad agosto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 6 mesi fa su tio
Il denaro pagato invece no
Elisa_S 6 mesi fa su tio
Se dovessero essere eliminate è un crimine morale verso l'umanità. Ma scherziamo ? Che schifo
SteveC 6 mesi fa su tio
Vergognoso
Aargauer 6 mesi fa su tio
Poi…come i telefonini..una volta “scaduti”…mandiamoli in Africa! ..Chapeau alla solidarietà ..che schifo
Aargauer 6 mesi fa su tio
Con tante persone in altri Paesi che hanno difficoltà ad avere accesso ai vaccini…questo non va bene! Anche in Svizzera..quante dosi acquistate vengono buttate o rese inutilizzabili a causa della cancellazione di appuntamenti ecc.. C’est la décadence! Una vergogna
Elisa_S 6 mesi fa su tio
@Aargauer Dovrebbero fare un ultimatum Europeo di chiamata ai vaccini, chi si vuole vaccinare deve farlo entro fine luglio poi i vaccini (Svizzera compresa) saranno regalati a paesi sfavoriti. E se qualcuno dovesse cambiare idea a settembre, allora , potrà comunque fare il vaccino ma dovrà pagare per averlo (e non a prezzo di favore perchè saranno pochi a disposizione). Questa sarebbe una soluzione morale
USSColeDG67 6 mesi fa su tio
Ora speriamo che l’UE prenda provvedimenti e gli altri Paesi vietino l’accesso a chi non è vaccinato!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 03:03:15 | 91.208.130.89