Imago/Keystone
A sinistra: il segretario per i Rapporti con gli Stati della Santa Sede, Paul Richard Gallagher. A destra: una manifestazione a sostegno del DDL Zan durante il pride di Torino del 5 giugno scorso.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
FRANCIA
50 min
«Non siamo topi da laboratorio», in piazza contro il pass Covid
Cortei, striscioni e slogan. A Parigi migliaia di persone sono tornate a protestare
UNGHERIA
4 ore
Ungheria: attese migliaia di persone al Pride contro Orban
Due anni fa le presenze erano circa 20'000. Quest'anno si punta più in alto
AUSTRALIA
6 ore
In migliaia in strada contro il confinamento: almeno 57 arresti
La premier del Nuovo Galles del Sud: «Sono completamente disgustata da queste azioni egoistiche».
ITALIA
19 ore
Greenpass obbligatorio per i ristoranti: ora è corsa al vaccino
In Friuli Venezia Giulia le richieste di appuntamento sono aumentate del 6'000%.
SIERRA LEONE
22 ore
La Sierra Leone abolisce la pena di morte
Sarà sostituita con l'ergastolo o una pena detentiva minima di 30 anni.
STATI UNITI
23 ore
"Indians offende i nativi", la squadra di baseball cambia nome
Dalla prossima stagione in Major League ci saranno i Cleveland Guardians.
INDIA
1 gior
Piogge e frane in India, 36 morti
Nel primo bilancio provvisorio si contano anche decine di feriti nello stato di Maharashtra
UNIONE EUROPEA
1 gior
La variante Delta "domina" in Europa
Anche in Svizzera la quasi totalità dei nuovi casi è legata alla variante. Negli ultimi sette giorni la media è al 94.1%
MONDO
1 gior
Quando la miglior cura è essere se stessi
La condanna del Vaticano alle "terapie riparative", che si proponevano di far cambiare orientamento sessuale ai gay
FRANCIA
1 gior
Pass sanitario, luce verde dall'Assemblea Nazionale
La palla passa ora al Senato. Il governo punta all'adozione entro il fine settimana
REGNO UNITO
1 gior
Niente quarantena per i lavoratori del settore alimentare
Troppi dipendenti hanno ricevuto l'ordine di isolarsi, mettendo a rischio l'approvvigionamento dei negozi
STATI UNITI
1 gior
Trump: quella del 6 gennaio era una «folla amorevole»
L'ex presidente ha ribadito la sua convinzione che le elezioni del 2020 siano state truccate
SPAGNA
1 gior
«Così salviamo i "figli del vento" abbandonati dagli aguzzini»
L'associazione luganese "Forza Rescue Dog" racconta il proprio impegno a favore dei Galgos.
STATI UNITI
1 gior
Il vaccino J&J può causare un raro disturbo neurodegenerativo
Si tratta della sindrome di Guillain-Barré. Lo ha stabilito l'Ema esaminando 108 casi segnalati nel mondo.
ITALIA
1 gior
L'Italia ha deciso: Green pass obbligatorio per i ristoranti (ma al chiuso)
Servirà per consumare al tavolo ma non all'aperto e al bancone, ma anche per partecipare a concerti e spettacoli.
REGNO UNITO
1 gior
Due dosi di Pfizer o AstraZeneca sono efficaci contro la Delta
Lo afferma Public Health England, che conferma: una sola dose non basta
SPAGNA
2 gior
Vip hackerati, il sospetto preso in Spagna
Il giovane è accusato di aver preso di mira i profili Twitter di personaggi come Barack Obama, Joe Biden e Bill Gates
CINA
2 gior
La Cina rifiuta ulteriori indagini sui laboratori di Wuhan
Le autorità di Pechino accusano l'Oms di «arroganza nei confronti della scienza»
ITALIA / CITTÀ DEL VATICANO
22.06.2021 - 09:130
Aggiornamento : 09:32

Ddl Zan: il Vaticano si mette ufficialmente di traverso

Fatto senza precedenti, la Santa Sede ha attivato i proprio canali diplomatici perché il disegno di legge sia modificato

ROMA / CITTÀ DEL VATICANO - Il Vaticano irrompe in maniera inaspettata nel lungo e travagliato dibattito sul progetto di legge italiano contro l'omo-, lesbo-, bi- e transfobia, il Ddl Zan. Fatto del tutto inconsueto, la Santa Sede ha infatti attivato i propri canali diplomatici presso lo Stato italiano perché la norma sia modificata in virtù del Concordato Stato-Chiesa. La nuova legge lederebbe in particolare la «piena libertà» di azione della Chiesa cattolica in Italia.

Come rivela il Corriere della Sera, a muoversi per difendere le prerogative del Vaticano e dei cattolici nella vicina penisola è stato monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati. Il 17 giugno scorso, il "ministro degli Esteri" vaticano ha in particolare consegnato una nota verbale all'Ambasciata italiana presso la Santa Sede in cui si esprimeva preoccupazione per come la norma - che vieta «ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo» che inciti «alla discriminazione o alla violenza» per motivi «fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità» - potesse ridurre «la libertà garantita alla Chiesa Cattolica dall’articolo 2, commi 1 e 3 dell’accordo di revisione del Concordato».

Quest'ultimo, firmato nel 1984, rappresenta l'evoluzione dei Patti Lateranensi che regolano i rapporti tra Stato italiano e Santa Sede. Garantisce in particolare alla Chiesa cattolica «la piena libertà di svolgere la sua missione pastorale, educativa e caritativa, di evangelizzazione e di santificazione» e ai suoi fedeli «e alle loro associazioni e organizzazioni la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione».

Che la Conferenza episcopale italiana (CEI) e diversi prelati di spicco della vicina penisola fossero contro il Ddl Zan non è una novità. A essere senza precedenti, secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, è invece che la Santa Sede attivi i propri canali diplomatici presso lo Stato italiano perché un disegno di legge sia modificato per tutelare le prerogative della Chiesa cattolica sancite dal Concordato.

A infastidire il Vaticano, oltre al timore di vedere limitate la libertà di organizzazione ed espressione, sarebbe, tra gli altri, l'articolo 7 del disegno di legge italiano. Quest'ultimo dispone infatti che il 17 maggio - che diventerebbe ufficialmente anche in Italia Giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia - «le scuole», e quindi anche gli istituti privati e cattolici, organizzino «cerimonie, incontri e ogni altra iniziativa utile» per «promuovere la cultura del rispetto e dell’inclusione nonché di contrastare i pregiudizi, le discriminazioni e le violenze motivati dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere, in attuazione dei princìpi di eguaglianza e di pari dignità sociale sanciti dalla Costituzione» italiana.

Trasmesso al Senato il 5 novembre scorso per la lettura finale, il Ddl Zan prevede - un po' come avvenuto in Svizzera con la norma contro l'omofobia - che il codice penale sia modificato per includere, agli articoli 604-bis e 604-ter sul razzismo, anche il riferimento a ogni discriminazione fondata «sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o
sulla disabilità». La sinistra italiana chiede un'approvazione nelle prossime settimane. Il centrodestra preme invece per un'estesa, ulteriore discussione in Senato, che allungherebbe inevitabilmente i tempi.      

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 1 mese fa su tio
Come si fa a chiamare il vaticano "santa sede", quando hanno perpetrato nei corsi dei millenni delle atrocita' in nome di una religione. E qui Dio e Cristo, con questi non hanno niente a che vedere.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@volabas56 Io non sono uno che frequenta spesso le chiese, anzi direi il contrario. Però criticare qualcuno per qualcosa che i rappresentanti del suo credo hanno fatto qualche secolo fa mi pare una gran baggianata. Diciamo che criticare le crociate in tempi moderni è come voler proibire Biancaneve perché il bacio non è consenziente oppure Cenerentola perché rappresenta perversioni per i piedi. Direi che sarebbe meglio concentrarsi sugli scandali recenti, la quale mi pare che l'ultimo papa si stia adoperando non poco. Forse bisognerebbe smetterla di crearsi delle idee sulla base di giudizi pregressi (non solo nella direzione del politically correct).
volabas56 1 mese fa su tio
@Mattiatr Allora porgi pure l'altra guancia; per me le malefatte non vanno mai in prescrizione .Se ragioni cosi allora fra un po' di anni dirai hai nostri nipoti che non devono criticare gli ecclesiastici pedofili ( e sono miglia nel mondo) , che sono vissuti nel 20 secolo, perchè bisognera' concentrarsi sui nuovi scandali che questa grande bottega che è la chiesa commettera' ancora. Vegn gio dakl fic.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@volabas56 Puniresti mai il figlio per i reati del padre? Oppure faresti mai di tutta l'erba un fascio? Non sto affermando che non sia giusto criticare l'operato schifoso di preti pedofili (che io rinchiuderei in una stanza per buttar via la chiave in un fiume), sto solo dicendo che non ci si può concentrare solo sul passato. Considerare criminali un intera categoria per le azioni di pochi è ridicolo, esattamente come è ridicolo e sbagliato farlo nei confronti degli stranieri, o di altri. Poi forse è giusto guardare male ogni prete perché uno del suo credo da qualche parte ha fatto azioni schifose.
Booble63 1 mese fa su tio
Si può essere a favore o contrari ma il fatto è che lo status quo garantisce la quasi impunità a molti tipi di discriminazione. L’Italia, ma anche il Ticino è il resto del mondo sono pieni di bacchettoni omofobi che si nascondono dietro la religione per esprimere le loro idee fasciste.
Tato50 1 mese fa su tio
@Booble63 E anche un pochino pedofili !!!!!!!
Anna 74 1 mese fa su tio
è una vergogna la natura è uomo e donna
Genchi 67 1 mese fa su tio
@Anna 74 Io sono etero è sposato,ma leggere certi commenti mi rabbrividire e anche vomitare,invece di scrivere fatti curare ,ammesso che sei ancora in tempo
Dario Lampa 1 mese fa su tio
@Anna 74 una vergogna è pensare queste cose nel 2020.
He 1 mese fa su tio
27 Dio creò l'uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina. … li creò quindi a sua immagine. Sia maschio che femmina. Tranquilli cattolici, dio è uno e l’altra. Avete un tantino travisato. :-)
Cdg 1 mese fa su tio
La legge deve essere approvata, anche se non piace all'estrema destra e neanche alla chiesa... Magari hanno paura di finire dietro le sbarre... Contro la odiosa discriminazione, che spesso sfocia in violenza fisica e psicologica ci vuole chiarezza! Quella che appunto non vogliono i settori ultraconservatori, come la estrema destra e la chiesa, ai quali piace minimizzare qualsiasi episodio (sulla pelle degli altri...).
Gus 1 mese fa su tio
Il fascismo clericale esiste ancora in Italia, come altrove
Mat78 1 mese fa su tio
@Gus Il matrimonio è stato sempre pensato, anche giuridicamente, come mattone di base della comunità, con lo scopo di procreare. Esistono le unioni civili, non capisco la necessità di volersi arrogare per forza uno status sociale incompatibile alle capacità biologiche di queste coppie. Ma ormai oggi tutto fa brodo e tutti hanno diritto a tutto, fa poi nulla se non è logico e crea un relativismo di valori che sta facendo impazzire la società. Il fascismo è imporre presunti valori agli altri, condivisi o meno che siano, non certo rispettare chi la vede diversamente (senza ledere la dignità altrui). La chiesa non benedirà mai questo modello di società, e francamente meno male direi!
Luganese 1 mese fa su tio
@Gus Il clero sta semplicemente facendo rispettare i principi di libertà definiti nel contratto “Patti Lateranensi” tra Stato Italiano e Vaticano. Il ddl in oggetto prevede che le scuole, e quindi anche gli istituti scolastici gestiti dal clero, siano COSTRETTI il 17 maggio di ogni anno a organizzare incontri ed attività contro l’omofobia. Questa costrizione poco si concilia con il principio di libertà di organizzazione ed espressione, definito dai Patti Lateranensi.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-24 17:06:23 | 91.208.130.87