keystone-sda.ch / STF (Virginia Mayo)
I legali di AstraZeneca in aula a Bruxelles.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
2 min
Lo shutdown è evitato
Il governo Usa ha fondi per finanziare le sue attività fino al 18 febbraio
SVIZZERA / MONDO
1 ora
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
1 ora
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
Stati Uniti
13 ore
Niente seggi all'Onu per i talebani e la giunta in Birmania
Anna Karin Eneström: «La decisione è stata rimandata»
AUSTRIA
13 ore
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
VIDEO
Stati Uniti
13 ore
Uomo armato davanti alla sede delle Nazioni Unite. Minaccia di suicidarsi
Il Palazzo di vetro è stato blindato. La polizia è sul posto. Accorsi anche gli artificieri: c'è una borsa sospetta
GERMANIA
16 ore
Annunciato il lockdown per i non vaccinati
«Il Paese deve unirsi in un atto di solidarietà»: così Angela Merkel e Olaf Scholz in conferenza stampa
GERMANIA
16 ore
Crolla una parete di una palazzina dopo un'esplosione
Due i feriti: l'inquilino avrebbe riportato gravi ustioni. Sul posto decine di agenti e pompieri
LE FOTO
STATI UNITI
17 ore
Rockefeller Center, illuminato il maxi albero di Natale
L'enorme abete è alto oltre 20 metri e pesa più di 12 tonnellate
SPAGNA
20 ore
A soli due mesi di età, arriva morto alle Canarie
Un'altra piccola vittima della rotta migratoria: in cinque gommoni erano in 283
REGNO UNITO
20 ore
Un richiamo annuale, «per molti anni a venire»
Senza i vaccini la «struttura fondamentale della nostra società sarebbe minacciata», ha affermato Albert Bourla
AUSTRIA
21 ore
«Non sono né un santo né un criminale»
Una decisione presa dopo la nascita del figlio, nei giorni scorsi
UNIONE EUROPEA
18.06.2021 - 16:450

La sentenza sulla fornitura di vaccini AstraZeneca all'Ue: entrambe le parti cantano vittoria

Il verdetto è stato accolto «con soddisfazione» sia da Bruxelles che dall'azienda anglo-svedese

BRUXELLES - Divergenza di vedute tra l'Unione europea e la società farmaceutica AstraZeneca in merito alla sentenza emessa oggi dal Tribunale di primo grado di Bruxelles.

Commissione Ue soddisfatta... - Secondo la Commissione Ue, la Corte «ha deciso di concedere misure cautelari nel procedimento avviato contro AstraZeneca» dalla stessa Commissione e dai 27 Paesi membri. «Il tribunale ordina ad AstraZeneca di consegnare urgentemente 50 milioni di dosi di vaccino entro il 27 settembre 2021, secondo un programma vincolante: 15 milioni di dosi entro il 26 luglio; 20 milioni di dosi entro il 23 agosto; 15 milioni di dosi al 27 settembre. In caso di mancato rispetto di tali termini di consegna AstraZeneca dovrà pagare una penale di 10 euro per dose non erogata».

...ma anche AstraZeneca - Una sconfitta per AstraZeneca? No, a giudicare dal comunicato stampa pubblicato dall'azienda anglo-svedese, che dice di aver accolto «con favore» la sentenza: «Il giudice ha disposto la consegna di 80,2 milioni di dosi entro il 27 settembre 2021. Ad oggi la Società ha fornito più di 70 milioni di dosi all'Unione europea e supererà sostanzialmente gli 80,2 milioni di dosi entro la fine di giugno. Tutte le altre misure richieste dalla Commissione europea sono state respinte, e in particolare la Corte ha rilevato che» Bruxelles «non ha esclusività o diritto di priorità su tutte le altre parti contraenti».

Letture differenti - La Commissione sostiene che «la decisione del giudice sulle misure cautelari richieste si basa sul fatto che AstraZeneca ha commesso una grave violazione dei suoi obblighi contrattuali con l'Ue. La Corte ritiene inoltre che AstraZeneca avrebbe dovuto dispiegare tutti i suoi sforzi per consegnare i vaccini entro il calendario concordato, compresi i siti di produzione britannici esplicitamente menzionati nel contratto, soprattutto a causa dei grandi ritardi nelle consegne nell'Ue».

Nella lettura del produttore del vaccino Vaxzevria, invece, «la sentenza ha riconosciuto che le difficoltà incontrate da AstraZeneca in questa situazione senza precedenti hanno avuto un impatto sostanziale sul ritardo. AstraZeneca attende ora una rinnovata collaborazione con la Commissione europea per aiutare a combattere la pandemia in Europa. La Società rimane impegnata a una distribuzione ampia ed equa del vaccino come stabilito nell'accordo di acquisto anticipato di agosto 2020».

I commenti - Jeffrey Pott, alto dirigente di AstraZeneca, commenta: «Siamo soddisfatti dell'ordine della Corte. AstraZeneca ha pienamente rispettato il suo accordo con la Commissione Europea e continueremo a concentrarci sull'urgente compito di fornire un vaccino efficace». La casa anglo-svedese, aggiunge Pott, lo sta facendo «senza scopo di lucro per aiutare a proteggere le persone in Europa e nel mondo dalla pandemia più mortale in una generazione» di persone.

Ma è anche la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a cantare vittoria: «Questa decisione conferma la posizione della Commissione: AstraZeneca non ha mantenuto gli impegni assunti nel contratto. È bello vedere che un giudice indipendente lo conferma». Nel suo tweet, von der Leyen ha dichiarato che il verdetto «è una buona notizia per la nostra campagna vaccinale. È anche un chiaro riconoscimento che i nostri contratti di acquisto anticipato hanno una solida base giuridica. La nostra strategia sui vaccini offre risultati».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 07:57:04 | 91.208.130.86