IMAGO
Una copia del Proclama di Emancipazione, firmato da Abramo Lincoln.
STATI UNITI
16.06.2021 - 10:110

USA: il 19 giugno sarà presto un giorno di festa

Juneteenth commemora la fine della schiavitù negli Stati Uniti

WASHINGTON - Il Senato statunitense ha approvato all'unanimità un disegno di legge che prevede di rendere il 19 giugno un giorno di festa, in onore della fine della schiavitù avvenuta il 19 giugno 1865 in Texas, giorno in cui gli ultimi schiavi del Paese hanno saputo di essere diventati liberi grazie al Proclama di Emancipazione firmato da Abraham Lincoln.

«Juneteenth (così viene chiamato, ndr) commemora il momento in cui le ultime persone vittime di schiavitù nella nazione hanno saputo di essere libere», ha detto il leader della maggioranza al Senato Charles E. Schumer (D-N.Y.), come si legge sul Washington Post. «Rendere Juneteenth una festa federale è un importante passo avanti per riconoscere i torti del passato».

A presiedere la seduta del Senato al momento dell'approvazione della legge, il senatore Edward J. Markey (D-Mass.): «Per troppo tempo, la storia del nostro paese è stata incompleta perché non siamo riusciti a riconoscere, affrontare e venire a patti con il peccato originale della nostra nazione, la schiavitù», ha detto Markey in una dichiarazione dopo il voto.

Far passare questo progetto, secondo Markey, «affronterà questa lacuna a lungo ignorata nella nostra storia, riconoscerà il torto che è stato fatto, riconoscerà il dolore e la sofferenza di generazioni di schiavi e dei loro discendenti, e finalmente celebrerà la loro libertà».

Anche il senatore John Cornyn (R-Tex) ha accolto favorevolmente il passaggio della legge, twittando che Juneteenth è una festa di Stato del Texas da più di 40 anni. «Ora più che mai, abbiamo bisogno di imparare dalla nostra storia», ha detto.

La legge ora passa ora alla Camera, che è guidata dai Democratici, dove è quasi certo che sarà approvata.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 04:00:03 | 91.208.130.87