Reuters
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
28 min
La raccolta firme digitale per i referendum sta cambiando l'Italia
Piace ai giovani ed è già un successo per cannabis e contro al Green Pass ma all'establishment piace assai poco
AFGHANISTAN
9 ore
Afghanistan: l'Isis rivendica gli attentati a Jalalabad
Gli attacchi sono avvenuti negli ultimi due giorni, causando morti e feriti
ISRAELE
10 ore
L'effetto della terza dose in Israele
Ecco i risultati di uno studio che analizza i dati del ministero della salute
ISRAELE
11 ore
La zia di Eitan è in Israele: «Vogliamo riportarlo a casa al più presto»
La donna sarà anche un testimone chiave del procedimento aperto a Tel Aviv, in Italia incriminata una terza persona
AFGHANISTAN
12 ore
A Kabul i talebani hanno lasciato a casa le dipendenti statali
Con solo pochissime eccezioni, riceveranno però la paga: «Le loro posizioni ricoperte da uomini»
FOTO
SPAGNA
13 ore
Così nasce un nuovo vulcano
Scosse, fumo e lapilli per il più giovane vulcano di Spagna. Per ora evacuata solo la popolazione a mobilità ridotta
FOTO
FRANCIA
14 ore
Sulla fune, sopra la Senna fino alla Tour Eiffel
L'impresa spettacolare del funambolo Nathan Paulin per 600 metri in equilibrio a 70 metri dal suolo
FOTO
STATI UNITI
14 ore
In California gli incendi inarrestabili ora minacciano anche le sequoie
In fiamme da agosto, le foreste californiane non sono mai state così martoriate: «È una cosa che ti spezza il cuore»
FILIPPINE
15 ore
Manny Pacquiao si è candidato alla presidenza delle Filippine
Il famosissimo pugile, che è già senatore, correrà l'anno prossimo. Duterte, invece, punta alla vicepresidenza
GERMANIA
17 ore
Questa sera l'ultimo dibattito televisivo prima del voto
Che si terrà il prossimo fine settimana, chiuderà l'era Merkel e che la Cdu potrebbe anche perdere
CINA / STATI UNITI
24.05.2021 - 11:160

Wuhan, tre ricercatori ammalati e un dibattito che si riaccende

Secondo documenti dell'intelligence americana, erano stati ricoverati nel novembre del 2019.

I tre lavoravano presso l'Istituto di virologia di Wuhan. Al momento non si sa da cosa fossero stati contagiati. Ma le carte hanno innescato nuove schermaglie tra Washington e Pechino sullo scenario, già definito «improbabile» dall'Oms, della fuga del coronavirus da un laboratorio.

WUHAN - Mentre la fine dell'emergenza sanitaria inizia gradualmente a prendere forma, i contorni della sua origine restano ancora oggi avvolti nella nebbia. Una nebbia un po' meno spessa - le principali ipotesi sul tavolo sono ormai note, con il "salto" del virus sull'uomo ritenuta l'innesco più probabile della pandemia - ma non a sufficienza da permettere di escludere del tutto anche l'improbabile teoria della fuga del virus da un laboratorio. E alcune carte ottenute dal Wall Street Journal promettono ora di alimentare nuovamente le discussioni.

Stando a quanto riporta il quotidiano statunitense, che cita documenti esclusivi dell'intelligence a stelle e strisce, tre ricercatori dell'Istituto di virologia di Wuhan si sarebbero ammalati nel novembre del 2019 e le loro condizioni sarebbero state tali da necessitare il ricovero in ospedale.

Ammalati, ma non si sa di cosa
Il Dipartimento di Stato degli Usa aveva già pubblicato un'informativa nelle ultime settimane dell'amministrazione Trump in cui venivano riportati diversi casi di contagio nel laboratorio durante l'autunno del 2019 con «sintomi compatibili con il Covid-19 e con l'influenza stagionale comune». A oggi però, è necessario puntualizzarlo, non è ancora dato sapere di cosa si fossero effettivamente ammalati quei ricercatori.

Pechino, lo ricordiamo, ha sempre negato che il "nuovo" coronavirus abbia avuto origine in un laboratorio cinese, trincerandosi però dietro una nebulosa carenza di trasparenza che ha reso difficile il lavoro degli esperti incaricati di tracciare il cammino a ritroso del virus da Wuhan, il primo grande focolaio di Covid-19. E una schermaglia in tal senso era sorta proprio all'indomani della spedizione dell'Oms, quando il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus aveva parlato di uno scenario «improbabile» ma che «richiedeva ulteriori indagini», auspicando per il futuro una condivisione «più trasparente e tempestiva» delle informazioni.

Schermaglie continue tra Washington e Pechino
Lo stesso approccio è sposato dall'amministrazione Biden, che pur evitando di commentare il contenuto delle carte sostiene la necessità di approfondire ogni pista possibile. Un portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale statunitense ha affermato al Wall Street Journal che Washington «continua a nutrire grossi interrogativi in merito ai primissimi giorni della pandemia, inclusa la sua possibile origine all'interno» dei confini cinesi. Il ministero degli Esteri di Pechino però non ci sta e punta il dito contro gli Stati Uniti «che continuano a fomentare la teoria della fuga da un laboratorio» del virus. «Sono realmente interessati a tracciare l'origine del virus o stanno cercando di sviare l'attenzione?».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Wunder-Baum 3 mesi fa su tio
Chiaramente se si crede a tutto quello che raccontano i cari cinesi (niente contro di loro perché c'è anche brava e povera gente), passeranno anni prima che sapremo cosa è realmente successo. E' importante che, concretamente (senza embarghi e altre diavolerie del genere), a livello mondiale si chieda formalmente una chiara e netta spiegazione anche per prevenire altri disastri che potrebbero succedere in futuro.
Peter Parker 3 mesi fa su tio
Solo tanti giri di parole per dire che non si come sia stato originato il virus. Inutile dire „improbabile“ fuga dal laboratorio cercando di dare sempre e comunque supporto alla tesi del mercato. E‘ passato un anno e mezzo ed ancora non è stato confermato nulla. Quindi le 2 teorie menzionate sono entrambe ancora valide (d’altronde anche OMS dice che ci vogliono nuove ispezioni ed indagini).
Ro 3 mesi fa su tio
Se anche la scienza diventa irresponsabile allora il futuro sarà un non futuro. Per i governi invece No Comment
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 06:28:48 | 91.208.130.85