Deposit
CINA
20.05.2021 - 08:150

I divorzi cinesi calano del 70% con il “periodo di ripensamento”

A gennaio è entrato in vigore la nuova modalità. Non sono mancate le critiche

PECHINO - Nel primo trimestre dell'anno i divorzi in Cina sono diminuiti del 70%, passando da 1,06 milioni nel 2019 a 296'000, stando alle statistiche diffuse dal ministero degli Affari civili cinese. 

Se state pensando alla pandemia quale motivazione del calo vi sbagliate. La forte diminuzione è dovuta al un nuovo "periodo di ripensamento" introdotto dal governo cinese a gennaio per evitare i "divorzi impulsivi". In pratica sia il marito che moglie hanno tempo 30 giorni per ritirare la domanda di divorzio depositata. Dopo un mese la coppia dovrà confermare di voler effettivamente porre fine al matrimonio, oppure di voler rimanere sposata. 

C'è chi ha criticato questa nuova modalità, che obbliga le coppie a rimanere sposate ancora per un mese, costringendo magari il partner a subire ancora violenze. Tuttavia il governo ha precisato che è sempre possibile chiedere il divorzio "lampo" per motivi gravi, anche se la pratica è più costosa. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 09:13:56 | 91.208.130.89