keystone-sda.ch (Aris Oikonomou)
L'Unione europea pretende che le aziende produttrici dei vaccini rispettino gli impegni presi, a partire da AstraZeneca.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA / CITTÀ DEL VATICANO
45 min
Legge contro l'omofobia: il Vaticano si mette ufficialmente di traverso
Fatto senza precedenti, la Santa Sede ha attivato i proprio canali diplomatici perché il disegno di legge sia modificato
AUSTRALIA
2 ore
Spostati su un'isola, i diavoli della Tasmania hanno sterminato i pinguini
Un progetto per salvare la specie dall'estinzione è stato definito «un fallimento»
CINA
3 ore
«Ormai è una questione di giorni»
Il tabloid di Hong Kong è finito nella morsa della legge sulla sicurezza cinese
ITALIA
10 ore
L'Italia senza mascherine (forse) dal 28 giugno
Il comitato tecnico-scientifico sembra orientato verso un allentamento anticipato
GERMANIA
14 ore
«Con Draghi nessun problema, calcio a parte...»
La Cancelliera tedesca scherza con il premier italiano durante la conferenza stampa congiunta.
SVEZIA
15 ore
Il Parlamento ha deciso: il premier svedese deve dimettersi
L'unica alternativa, per Stefan Lovfen, è indire delle elezioni anticipate
SUDAFRICA
16 ore
Non sono diamanti, ma cristalli di quarzo
Il valore delle "pietre misteriose" scoperte in Sudafrica crolla quindi drasticamente
UNIONE EUROPEA
17 ore
Myanmar, da Bruxelles un terzo ciclo di sanzioni
Il Consiglio europeo ha emesso nuove misure restrittive per il colpo di Stato in Birmania
GIAPPONE
19 ore
Vaccini a rilento, in Giappone si punta ora sulle aziende
L'iniziativa ha preso il via oggi. Toyota vaccinerà 80'000 persone. Rakuten 60'000.
SPAGNA
20 ore
Indulto in vista per gli indipendentisti catalani
La proposta sarà discussa domani durante il Consiglio dei Ministri spagnolo
FOTO
INDIA
22 ore
Arrivano i monsoni. E centinaia di corpi potrebbero finire nel Gange
Il numero di sepolture sulle sponde del fiume sacro è esploso a causa della pandemia
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
23 ore
Esplosioni nell'Atlantico: gli USA testano le proprie navi da guerra
La portaerei USS Gerald R. Ford è stata messa alla prova con una potente esplosione
STATI UNITI
23 ore
Dopo il disgelo ginevrino, l'ambasciatore russo torna a Washington
Il diplomatico è «ottimista» sul miglioramento dei rapporti tra Russia e Stati Uniti, che preparano però nuove sanzioni.
UNIONE EUROPEA
26.03.2021 - 08:480
Aggiornamento : 11:48

AstraZeneca è avvisata: niente export di vaccini se i ritardi non vengono recuperati

Bruxelles invita le aziende a garantire «la prevedibilità della loro produzione»

Fonte Patrizia Antonini, Ats Ans
elaborata da Fabio Caironi
Giornalista

BRUXELLES - «AstraZeneca deve recuperare sui suoi ritardi con gli Stati membri prima di potersi impegnare di nuovo nell'esportazione di vaccini». Le parole della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, al termine della videoconferenza dei 27 che ha avuto luogo ieri non lasciano spazio a equivoci: l'azienda anglo-svedese è nell'angolo.

Dopo i tagli, i ritardi e i giochi di prestigio dei mesi scorsi, la casa farmaceutica dovrà rispettare i patti, perché ora l'Unione si è attrezzata con le armi per difendersi. A partire dal meccanismo di autorizzazione all'export, che nella sua ultima versione rafforzata, seppur col richiamo alle cautele da parte di alcuni, ha riscosso il consenso generale.

Il dialogo con gli Usa - E nella «mobilitazione» generale «per accelerare sulla produzione e la distribuzione delle dosi», evidenziata dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel, con il collegamento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden si sono gettate le basi per collaborare sul fronte della distribuzione globale di vaccini anti-Covid. Thierry Breton e la sua task force sono poi in contatto con l'amministrazione statunitense «per garantire gli approvvigionamenti necessari per produrre più dosi», ha spiegato Michel. «L'Ue e gli Stati Uniti sono grandi produttori di vaccini e abbiamo un forte interesse a lavorare uniti per fare in modo che le catene di approvvigionamento funzionino e prepararci alle prossime sfide della pandemia in un'era di pandemie», ha commentato von der Leyen.

Il pressing dei leader - Un incontro che non ha portato ad annunci clamorosi da parte di Biden come sperava qualcuno ma che comunque apre prospettive future a un'Unione piegata dalla terza ondata della pandemia, frustrata dai tagli e dai ritardi di AstraZeneca, ma determinata comunque a centrare l'obiettivo del 70% d'immunizzazioni entro fine estate. Il pressing di Mario Draghi, Emmanuel Macron, e Angela Merkel, tra autocritica e fermezza, è stato incalzante. E la cancelliera tedesca, come già annunciato nei giorni scorsi, ha sostenuto anche la possibilità che Bruxelles avvii discussioni per valutare la fattibilità d'includere lo Sputnik V nella strategia dell'Unione in attesa che l'Ema valuti la sicurezza e l'efficacia del siero.

Scadenze da rispettare - «L'accelerazione della produzione, della consegna e della diffusione» dei vaccini, è stato ribadito nella dichiarazione finale della videoconferenza, resta «essenziale per superare la crisi», ma è altrettanto importante che le «aziende garantiscano la prevedibilità della loro produzione e rispettino le scadenze contrattuali di consegna», hanno insistito i leader, riferendosi principalmente ad AstraZeneca, che delle 120 milioni di dosi previste dal contratto per il primo trimestre, poi ridotte a 30 milioni, a oggi ne ha distribuite solo 18 milioni. A meno di una settimana dalla fine di marzo latitano ancora 12 milioni, ovvero quanto manca a completare la fornitura di 100 milioni di sieri, secondo la presentazione della presidente della Von der Leyen, ora pronta a giocare anche la carta delle vie legali.

Entro la fine di questa settimana la distribuzione di vaccini nell'Ue salirà a 88 milioni, mentre ne sono stati inoculati 62, per un totale di 18,2 milioni di europei che hanno ricevuto le due iniezioni, ovvero il 4,1% del totale dei cittadini dell'Ue. Ancora decisamente troppo poco. Il secondo trimestre promette di essere migliore, con 360 milioni di dosi previste in consegna, delle quali 200 da Pfizer.

L'export di vaccini - Ma il dato che colpisce sono anche i 77 milioni d'immunizzanti esportati dall'Ue da dicembre a oggi, di questi ben 21 milioni verso il Regno Unito. Soprattutto sieri di Pfizer, ma anche oltre un milione di shot di AstraZeneca, trasferiti dall'Unione tra dicembre e gennaio, prima dell'entrata in vigore del meccanismo di autorizzazione all'export. Uno strumento rafforzato dalla Commissione per aver più margine di manovra a difesa degli approvvigionamenti per gli europei e fermare i 'furbetti' dei vaccini. Un'iniziativa che, nonostante alcune preoccupazioni espresse da qualche leader, ha avuto sostegno, sebbene con appelli alla cautela e la richiesta che la Commissione europea faccia consultazioni prima di varare misure contro aziende e Stati. A ogni modo, ha tagliato corto von der Leyen, «le dosi prodotte in Ue saranno destinate all'Ue».

Il primo bersaglio potrebbe essere il Regno Unito, con cui Bruxelles continua a trattare sulla base di un impegno a trovare soluzioni, che tuttavia sulle questioni sostanziali della produzione di AstraZeneca ancora non si trovano. Tanto più dopo le parole perentorie di oggi del ministro della Sanità britannico Matt Hancock: il contratto firmato in anticipo mesi fa da Londra con AstraZeneca ha maggior peso legale di quello sottoscritto più tardi dall'Ue, ha affermato.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 09:58:38 | 91.208.130.85