Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
4 ore
«Le terapie intensive sono a livelli record»
«È necessaria un'azione urgente per contenere una terza ondata di coronavirus» suggeriscono gli esperti
STATI UNITI
4 ore
Coronavirus, negli USA un'ondata in 33 Stati
Si tratta d'intensi focolai regionali. In alcune realtà, come il Michigan, la situazione è grave
ITALIA
5 ore
In Italia 17'000 contagi e 380 vittime
Nella vicina penisola i numeri restano alti. La situazione richiede ancora «attenzione e prudenza»
ISRAELE
5 ore
Israele festeggia l'indipendenza, anche dal Covid
Nel paese con la campagna vaccinale modello per il mondo intero, la popolazione ha affollato spiagge e parchi
FRANCIA
6 ore
Un uomo si è dato fuoco nel metrò di Parigi
È successo alla stazione Pigalle della linea 2
STATI UNITI
6 ore
Censiti i T. rex: sono stati circa 2,5 miliardi
Erano circa 20'000 gli esemplari a vivere simultaneamente, e sono resistiti per 127'000 generazioni
ITALIA
8 ore
Quattro studenti (e una prof.) che non sono contenti di essere tornati in classe
In Lombardia le lezioni sono ricominciate ma in molti avrebbero preferito restare a casa. Ci spiegano il perché
REGNO UNITO
8 ore
Quasi 110mila reclami per la copertura mediatica della morte di Filippo
L'azienda si difende: «Le decisioni prese riflettono il ruolo che la Bbc gioca come emittente nazionale»
MONDO
8 ore
Ciambelle, uova e frullatori: così si incentiva la vaccinazione nel mondo
Alcune città si sono dimostrate molto creative. Non sono mancate le collaborazione con gli sponsor.
REGNO UNITO
25.02.2021 - 23:000

La Regina scende in campo per il vaccino

In un messaggio pubblico la sovrana chiede di «pensare prima agli altri»

LONDRA - Elisabetta II, 95 anni ad aprile, dà ancora una volta l'esempio ai sudditi e scende in campo in favore dei vaccini anti Covid: lo fa con con un raro messaggio pubblico dicendo di comprendere che c'è chi possa esitare; ma incoraggia apertamente la sua gente a immunizzarsi poiché, ammonisce, è doveroso «pensare agli altri prima che a sé stessi».

Un atto che del resto la sovrana ha già compiuto a gennaio - col 99enne principe Filippo, ora in ospedale per un'infezione non legata al Covid - seguita questo mese dall'erede al trono Carlo, 72 anni, e dalla consorte Camilla: tutti in forma pubblica per sostenere la campagna di vaccinazioni di massa promossa dal governo di Boris Johnson. E a cui ora si aggiungono le dichiarazioni diffuse stasera da Buckingham Palace, registrate durante una conversazione in videocollegamento con i responsabili delle macchina vaccinale messa in moto nelle 4 nazioni del Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord) che la regina ha voluto personalmente ringraziare.

Nel corso del colloquio, Elisabetta ha raccontato la sua esperienza, sottolineando di non aver «avvertito male per nulla» al momento dell'iniezione, semmai d'essersi sentita «protetta». Ha quindi elogiato la rapidità della campagna vaccinale di massa avviata dal governo Johnson sull'isola fin da inizio dicembre, plaudendo a coloro che vi stanno lavorando, ma anche ai milioni d'individui che ne hanno accolto la somministrazione: protagonisti, nelle sue parole, di «un'impresa rimarchevole» che contribuisce «all'incoraggiamento morale» del Paese.

Sollecitata dagli interlocutori a condividere le sue sensazioni personali, la monarca ha insistito: «Una volta che ricevi il vaccino ti senti protetta, penso sia molto importante». «Certo, è difficile per le persone che non si sono mai vaccinate, ma esse devono pensare agli altri prima che a se stesse», ha subito puntualizzato, richiamando la sicurezza collettiva dal contagio.

Riferendosi in generale al Covid, la regina non ha quindi esitato ad abbozzare un paragone con la "peste" dei secoli passati. «Sappiamo che si tratta probabilmente della pandemia più devastante mai affrontata nel mondo e nel Regno Unito da più di 100 anni, e che ora ci attende una battaglia prolungata dei vaccini contro il virus e le sue mutazioni», ha proseguito mostrandosi bene informata. «Ma io - ha precisato - ho una fede assoluta nella comunità medico-scientifica, sia qui nel Regno Unito sia a livello globale, e credo in un futuro migliore per tutti noi».

Non è mancato in ultimo un accenno non nuovo alla memoria di tempi ancor più difficili, quelli bellici, come a una fonte «d'ispirazione, in qualche modo»: «Avendo vissuto la guerra - ha ricordato l'anziana sovrana - mi pare sia decisamente come allora, quando ciascuno era mosso da una stessa idea». Ciò che conta - ha concluso, invocando più la persuasione che non l'obbligo nella battaglia odierna del vaccino - è «creare le condizioni perché ognuno si senta disposto ad accettare l'offerta della vaccinazione, quando verrà chiamato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 02:36:08 | 91.208.130.86