Keystone
STATI UNITI
27.01.2021 - 14:510

Le donne nell'esercito potranno portare la coda di cavallo e utilizzare lo smalto

Queste e altre modifiche sono state introdotte per «offrire un trattamento equo» a tutti i soldati.

Alle soldatesse sarà anche permesso di tingersi i capelli, a patto che il risultato sia uniforme. Vietati però alcuni colori.

WASHINGTON - L'esercito degli Stati Uniti ha modificato le linee guida riguardanti l'abbigliamento, soprattutto per le donne. Queste misure mirano a sostenere la diversità, l'equità e l'inclusione all'interno dell'esercito. 

In particolare alle donne sarà consentito l'utilizzo del rossetto, dello smalto per le unghie e potranno indossare gli orecchini (non però quando si trovano sul campo, durante un combattimento o in luoghi in cui l'accesso alla normale igiene non è disponibile).

Per quanto riguarda gli uomini invece, sono autorizzati ad utilizzare uno smalto trasparente. 

I cambiamenti riguardano anche le acconciature: le donne non devono rispettare una lunghezza minima dei capelli, e potranno sfoggiare, se lo desiderano, altri tipi di acconciature (non più solo lo chignon), anche contemporaneamente. Tra le acconciature sono incluse: trecce, locs e twists. 
Le donne potranno inoltre utilizzare la coda di cavallo, se non riescono a formare uno chignon. La coda potrà anche essere utilizzata durante gli allenamenti fisici, con le uniformi da combattimento e anche quando indossano l'elmetto. 

Non solo: alle donne sarà anche permesso tingersi i capelli, anche con i colpi di sole, a patto che il risultato sia «uniforme». 

Tuttavia alcuni colori sono vietati, come il viola, il blu, il rosa, il verde, l'arancione, il rosso acceso, e i colori fluorescenti e neon. 

Tra le altre modifiche figura anche una migliorata condizione per le donne che allattano in uniforme (potranno indossare una canottiera aggiuntiva). 

«L'esercito deve continuare a mettere le persone al primo posto, promuovendo un clima di fiducia che accetti le esperienze e il background di ogni soldato e civile», ha affermato il tenente generale Gary Brito, vice capo di stato maggiore per il personale. «La nostra forza lavoro diversificata è un vantaggio competitivo e l'esercito deve continuare a offrire un trattamento equo a tutta la forza».

«Sappiamo che le azioni parlano più delle parole quando si tratta di inclusività ed equità all'interno dei nostri ranghi e crediamo che i cambiamenti che abbiamo annunciato siano un esempio di politiche che mettono le persone al primo posto».

La revisione entrerà in vigore il 24 febbraio. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 13:36:16 | 91.208.130.89