Keystone - foto d'archivio
INDIA
21.09.2020 - 08:450

Il Taj Mahal riapre nonostante il coronavirus

Le visite dovranno sottostare a regole di distanziamento sociale e il numero giornaliero di visitatori sarà limitato

AGRA - Il Taj Mahal, chiuso da marzo a causa del coronavirus, riapre oggi i battenti ai visitatori, nonostante i contagi in India continuino ad aumentare. Ogni giorno si registrano in media 100mila casi e mille morti, in totale 5,4 milioni di persone sono state contagiate dall'inizio della pandemia, su una popolazione di 1,3 miliardi di persone.

Dopo un severo lockdown che aveva messo in ginocchio decine di milioni di persone rimaste senza mezzi di sussistenza, il governo di Narendra Modi ha riaperto poco a poco agli spostamenti e al commercio. Apre ora alle visite anche il Taj Mahal, il mausoleo di marmo bianco di Agra, a sud di New Delhi. È il sito turistico più popolare dell'India e in tempi normali attira sette milioni di visitatori all'anno.

Le visite dovranno comunque ora sottostare a rigide regole di distanziamento sociale e il numero giornaliero di visitatori sarà limitato a 5'000, un quarto del normale. I biglietti possono essere acquistati solo online e saranno obbligatori mascherina e controllo della temperatura.

Nel resto del Paese, tuttavia, in particolare nelle aree rurali dove le infezioni sono in aumento, le linee guida del governo per limitare i contagi sono più spesso ignorate che rispettate.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-22 11:48:08 | 91.208.130.85