Keystone (archivio)
TURCHIA
18.08.2020 - 19:300

Coronavirus, le interferenze di Ankara sulla ricerca

Il Ministero della Salute turco impone una richiesta di autorizzazione. E gli esperti sono preoccupati

ANKARA - La Turchia sembra avere più di un problema con la pandemia in corso. E non si tratta solamente di una questione di numeri e, più in generale, di trasparenza ma - come riportato un articolo pubblicato da "The Lancet" - di una vera e propria interferenza nell'ambito della ricerca contro il Covid-19.

All'inizio dell'emergenza, le autorità del paese turco hanno istituito un comitato scientifico e incoraggiato l'attività dei ricercatori. Le tensioni però non hanno atteso molto prima di fare capolino tra medici, scienziati e addetti ai lavori del settore pubblico. La causa? La reticenza del Ministero della Salute, poco collaborativo nel fornire con trasparenza le informazioni.

Il giro di vite definitivo ha preso forma attraverso una misura ad hoc, che impone di richiedere l'autorizzazione per effettuare qualsiasi ricerca legata al Covid-19. Il tutto in barba alla Costituzione, che sancisce come «tutti abbiano il diritto di studiare scienza e arte liberamente» e di «insegnare, spiegare e distribuire e fare ricerca» nelle diverse aree di studio.

Stando alla rivista, la maggioranza degli studi avrebbe comunque ricevuto la "luce verde" dall'autorità. Alcune ricerche però, fra le quali si conta anche un importante studio clinico multicentrico di ampia portata ideato dalla Società toracica turca, sono state respinte senza alcuna spiegazione. Una situazione «preoccupante», denunciano gli autori dell'articolo, che - al pari dell'Accademie delle Scienze turca e dell'Associazione dei medici turchi - auspicano un cambio di rotta del ministero turco, che ristabilisca quanto previsto dalla Costituzione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-12 22:50:30 | 91.208.130.85