Immobili
Veicoli
Foto: Jan Graber
Il team che mira a far decollare l’e-Sling, un piccolo velivolo alimentato a batteria: Elsa Wrenger, Rafael Sutter, Sander Metting van Rijn, Joël Meyer (v.l.). Non presenti nella fotografia: Jan Wallimann, Colin Jüni, Patrick Benito e Robin Feuz.
+1
ULTIME NOTIZIE #NOISIAMOILFUTURO
ENERGIA SOLARE
1 gior
«Occorrono quattro volte più impianti solari»
Il modello di Helion: un approvvigionamento energetico svizzero con il solare, senza dover edificare le superfici libere
Lifestyle
4 gior
L’ex downhill biker porta l’alternativa vegana nello scaffale dei formaggi di Coop
New Roots rifornisce i negozi bio e i supermercati svizzeri con alternative vegane al formaggio.
CONSIGLI PER L'AMBIENTE
1 sett
Basta sprechi! Ecco le alternative sostenibili
Dalla carta da cucina ai disgorganti fino ai cosmetici con microplastiche.
Innovazione & energia
1 sett
«Il sangue nuovo ravviva il settore»
Quest’anno, l’Energy Startup Day si terrà per la prima volta nel quadro dei «Powertage».
Mobilità
2 sett
Le dieci auto elettriche più sostenibili
Le auto elettriche sono indubbiamente più ecologiche di quelle a benzina o a diesel.
Fresco dai campi
3 sett
«All’inizio era uno scontro tra due mondi»
Con MyFeld.ch, i fan della verdura possono far piantare le loro verdure preferite e seguirne la crescita.
Lifestyle
3 sett
Ora è realtà: i gamer possono piantare alberi veri
Una casa di videogiochi svizzera offre ai gamer un gioco per smartphone che permette di impegnarsi per il clima.
Lifestyle
4 sett
I computer riscalderanno presto le nostre case?
Sfruttare il calore residuo invece di disperderlo.
Lifestyle
1 mese
È egoistico volere dei figli?
Uno studio dimostra che nessun’altra scelta di vita influenza il clima tanto quanto quella di avere o non avere figli.
Mobilità
1 mese
Una nuova guida mostra perché conviene acquistare un’auto elettrica
L’acquisto di un’auto elettrica suscita moltissime domande.
Mobilità
21.01.2022 - 10:000

Gli studenti dell’ETH costruiscono gli aerei elettrici del futuro

Alcuni studenti del Politecnico federale di Zurigo (ETH) stanno sviluppando un piccolo velivolo alimentato a batteria.

Quello che per loro è un semplice progetto di ricerca, presenta però un interessante potenziale di mercato. Una visita all’hangar.

Il velivolo non ha ancora mai staccato le ruote da terra. Il primo decollo dovrebbe avvenire in giugno 2022: il motore non è alimentato con cherosene ma con l’elettricità immagazzinata nelle batterie. Nonostante il cosiddetto e-Sling sia attualmente solo un progetto di studio del Politecnico federale, ci sono ottime probabilità che un giorno questo velivolo sarà disponibile sul mercato in tutto il mondo.

Ora ci troviamo in uno degli hangar dell’aeroporto di Dübendorf. Nel bel mezzo del locale si trova l’e-Sling: un piccolo velivolo del produttore sudamericano Sling Aircraft. Appositamente per il progetto dell’ETH, Sling ha completamente ridisegnato il velivolo e per discutere delle modifiche da apportare, uno degli studenti è andato fino in Sudafrica.

Guardandolo, si capisce subito perché l’e-Sling non può ancora decollare: manca il muso con la sua elica. Nella cabina di pilotaggio c’è un caos di cavi. Non ci sono i sedili. E ci sono due grossi buchi nelle ali. «Qui inseriremo le batterie», spiega Sander Metting, studente del Politecnico di Zurigo e membro del progetto che mira a far alzare in volo il piccolo velivolo alimentato a batteria.

Autonomia di 200 chilometri

Lì dove saranno montate le batterie si trovano di solito i serbatoi del cherosene. Non è solo l’aumento del peso totale a richiedere che le modalità di costruzione del velivolo siano completamente riviste: per poter volare abbastanza a lungo, anche l’efficienza deve essere migliorata. «L’e-Sling ha ali più larghe rispetto al modello originale», spiega Elsa Wrenger, studentessa ETH e anche lei membro del gruppo di progetto. La spinta ascensionale maggiore permette di viaggiare a velocità di crociera minore sgravando quindi il motore. Il velivolo dovrebbe attualmente riuscire a percorrere circa 200 chilometri.

Originariamente, era previsto un piccolo velivolo con batterie modulari che avrebbero potuto essere sostituite durante le soste intermedie in aeroporto. «Lo sviluppo della tecnologia delle batterie e di caricamento avanza tuttavia in maniera estremamente rapida», spiega Sander Metting. Ormai ha molto più senso caricare direttamente la batteria. Ma: «vogliamo sperimentare le opzioni disponibili», spiega
Wrenger.

La sicurezza al primo posto

Per gli studenti si tratta solo di un progetto di ricerca e non di uno sviluppo commerciale. Il team è composto da otto studenti. «Ognuno ha un proprio campo di specializzazione», spiega Wrenger, e molti avevano già conoscenze preliminari sui velivoli. Occorre inoltre ragionare sull’utilizzo concreto che potrà avere il velivolo. «Poiché in volo è molto silenzioso, posso immaginarmi un impiego per la sorveglianza dei parchi nazionali», spiega Metting.

Il progetto è sostenuto da numerosi sponsor appartenenti al mondo dell’economia. Sul relativo sito, sviluppato in maniera estremamente professionale, è aperta anche la ricerca di donatori. Gli studenti possono inoltre contare su numerosi esperti di aviazione per tutte le consulenze necessarie. «La sicurezza di tutti i componenti è al primo posto», spiega Sander Metting. La responsabilità è elevata.

«Siamo in contatto costante con l’UFAC [Ufficio federale dell’aviazione civile, n.d.r.]», aggiunge Wrenger. Il velivolo potrà prendere il volo il prossimo giugno solo se otterrà l’approvazione delle autorità.

Foto: Jan Graber
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-29 04:42:39 | 91.208.130.87