Getty Images/iStockphoto
Il futuro è delle pompe di calore. Chi sostituisce un vecchio sistema di riscaldamento a nafta con uno nuovo sempre a nafta, pensa solo a breve termine e dimostra poca consapevolezza ambientale.
ULTIME NOTIZIE #NOISIAMOILFUTURO
Lifestyle
2 gior
Quindici libri di cucina per l’ambiente
La cucina sostenibile presuppone innanzitutto una rinuncia al consumo di carne.
Lifestyle
5 gior
Da sapere sul biossido di carbonio – Parte 1
Conoscenze di base sul CO2 e i suoi effetti.
Mobilità
1 sett
Vento e compost per volare in vacanza
Cherosene sostenibile per una coscienza pulita.
Lifestyle
1 sett
«Vogliamo rendere la scienza accessibile a tutti»
Innovazione & energia
2 sett
Con i LED è possibile ridurre costi e consumi
Hanno una lunga durata di vita, consumano poca elettricità e offrono innumerevoli possibilità per illuminare la casa:
Mobilità
2 sett
Il ritorno dei grandi velieri
I viaggi navali a scopo commerciale sono responsabili del due per cento delle emissioni di CO2.
Lifestyle
3 sett
Dieci consigli per proteggere personalmente l’ambiente
Innovazione & energia
3 sett
Qui si solidifica il CO2
In Islanda è entrato in funzione il più grande impianto di filtraggio del CO2.
Innovazione & energia
4 sett
L’elettricità del vostro Comune è «green»?
Tre quarti dell’energia consumata in Svizzera provengono da fonti rinnovabili.
Lifestyle
4 sett
Cibo per la mente al simposio «Soil to Soul»
Il festival «Soil to Soul» non offre solo food.
Lifestyle
1 mese
Vinci 100 000 franchi con la tua idea sul clima
Per il primo Spotlight di Clima Now si cercano idee in grado di convincere le persone ad agire in modo positivo.
Mobilità
1 mese
Quale e-bike fa per me?
Le e-bike non sono mai state così popolari. Eppure ogni tipologia è adatta a utenti diversi.
Formazione & consulenza
1 mese
Dialogo aperto e sincero sul clima
In tanti vorrebbero vivere rispettando l’ambiente.E parlare dei problemi che ne derivano?
RISCALDAMENTO SOSTENIBILE
29.06.2021 - 08:000

Da sapere sulle pompe di calore – Parte 1

I riscaldamenti a combustibili fossili hanno i giorni contati. Il futuro è delle pompe di calore.

A cosa occorre fare attenzione durante la pianificazione? Ecco la prima parte della miniserie sulle pompe di calore.

Le tecniche di costruzione sono responsabili di un quarto delle emissioni di CO2 in Svizzera. Una buona parte di queste è riconducibile ai riscaldamenti elettrici e a combustibili fossili. Al giorno d’oggi, chi sostituisce un vecchio sistema di riscaldamento a nafta con uno nuovo sempre a nafta non solo dimostra una scarsa consapevolezza ambientale ma anche una mancanza di lungimiranza: le pompe di calore sono molto più economiche se consideriamo i costi annuali.

Dopo il no alla legge sul CO2 del 13 giugno, Confederazione e Cantoni dovranno stringere ulteriormente le viti sulle leggi esistenti per raggiungere gli obiettivi climatici entro il 2050. È solo una questione di tempo prima che i riscaldamenti a combustibili fossili vengano banditi.

Un’ottima alternativa a questo tipo di riscaldamento sono i sistemi a pompa di calore. La svolta è particolarmente sensata per le regioni di campagna con molte case unifamiliari. Nelle città torna invece alla ribalta la rete di teleriscaldamento.

Proprio perché le pompe di calore richiedono un investimento iniziale elevato (che viene però velocemente compensato), occorre prestare attenzione ad alcuni elementi. In questa serie di articoli abbiamo riassunto i quindici punti più importanti.

#1 – Le pompe di calore possono essere installate in qualsiasi casa?
Fondamentalmente, le pompe di calore sono adatte per tutti gli edifici. Dipende molto tuttavia dallo spazio disponibile che nelle città può talvolta essere limitato. Ecco perché spesso nei centri abitati è meglio puntare sulla rete di teleriscaldamento. Anche le case con un pessimo isolamento andrebbero prima di tutto risanate.

#2 – Che tipi di pompe di calore ci sono e quanto sono efficienti?
Le più efficienti sono le pompe di calore che traggono calore dall’acqua sotterranea: è quindi necessario un accesso alla falda. Questo tipo di pompa di calore è molto raro in Svizzera.

Altrettanto efficienti sono le pompe di calore a sonda geotermica. Il calore proviene dal sottosuolo, da una profondità di circa 150-200 metri. Per installare una pompa di calore di questo tipo è quindi necessario disporre del terreno e garantire che l’impianto abbia accesso al sottosuolo. Questo sistema si adatta principalmente alle nuove costruzioni. Le case terrazzate non sono generalmente adatte a una pompa di calore con sonda geotermica a causa del modo in cui sono costruite.

In Svizzera il sistema più diffuso è la pompa di calore ad aria che estrae il calore dall’aria circostante. L’utilizzo è più sensato sull’Altopiano ma può essere installata anche ad altitudini più elevate.

Le pompe di calore ad aria vengono spesso installate all’esterno mentre quelle con sonda geotermica o ad acqua devono essere installate all’interno.

#3 – Quali sono i problemi più frequenti durante la pianificazione per l’installazione di una pompa di calore?
La maggior parte degli errori viene commessa proprio durante la fase di pianificazione. Nonostante le pompe di calore siano piuttosto silenziose, non andrebbero ad esempio mai installate sotto la camera da letto.

Una pompa di calore andrebbe inoltre pianificata con largo anticipo e non solo una volta che si rompe il vecchio sistema a nafta. Incentivi e permessi di costruzione vanno richiesti per tempo.

#4 – Quando c’è bisogno di un permesso di costruzione e dove è possibile ottenerlo?

 La procedura di autorizzazione è diversa per ogni Cantone. Nella maggior parte dei Cantoni è tuttavia necessario un permesso di costruzione. Gli esperti in pompe di calore di Stiebel Eltron consigliano d'incaricare uno specialista per occuparsi delle complicate richieste di permessi e sovvenzioni.

#5 – Perché è necessaria un’autorizzazione?
Le pompe di calore con sonda geotermica o collegate alle acque sotterranee prevedono un intervento nell’ambiente naturale che deve essere autorizzato. Le pompe di calore aria-acqua vanno invece spesso a influenzare l’aspetto delle case e anche questo richiede un’autorizzazione.

Nella seconda parte scoprirete se una pompa di calore può funzionare anche a meno venti gradi, se può anche raffreddare gli ambienti, a cosa prestare attenzione se vogliamo collegarla al nostro impianto solare e molto altro ancora. Dal 6 luglio in questa rubrica.

Stiebel Eltron
Guarda le 3 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 13:34:22 | 91.208.130.85