SRF/Screenshot
La leggendaria dimostrazione di cottura delle uova dell’ex consigliere federale Adolf Ogi
ULTIME NOTIZIE #NOISIAMOILFUTURO
Innovazione & energia
23 ore
L’elettricità del vostro Comune è «green»?
Tre quarti dell’energia consumata in Svizzera provengono da fonti rinnovabili.
Lifestyle
1 gior
Cibo per la mente al simposio «Soil to Soul»
Il festival «Soil to Soul» non offre solo food.
Lifestyle
2 gior
Vinci 100 000 franchi con la tua idea sul clima
Per il primo Spotlight di Clima Now si cercano idee in grado di convincere le persone ad agire in modo positivo.
Mobilità
3 gior
Quale e-bike fa per me?
Le e-bike non sono mai state così popolari. Eppure ogni tipologia è adatta a utenti diversi.
Formazione & consulenza
5 gior
Dialogo aperto e sincero sul clima
In tanti vorrebbero vivere rispettando l’ambiente.E parlare dei problemi che ne derivano?
Innovazione & energia
3 sett
Come i microcrediti aiutano l’Africa a proteggere l’ambiente
Innovazione & energia
3 sett
La première dei pannelli solari colorati
Elettricità pulita per il festival «Sur le Pont».
Formazione & consulenza
1 mese
La paura ci fa negare i cambiamenti climatici
I cambiamenti climatici sono scientificamente dimostrati.
Mobilità
1 mese
Elettrica, ibrida o a benzina? Parte 2
L’avanzata delle auto elettriche è inarrestabile.
Innovazione & energia
1 mese
Presto ricaveremo elettricità da tettoie sopra l’autostrada?
Un’impresa della svizzera occidentale vorrebbe installare tettoie ricoperte di pannelli solari sulle autostrade svizzere
Mobilità
1 mese
Auto elettrica, ibrida o a benzina? Ecco cosa c’è da sapere – Parte 1
Ecco come capire quale è meglio per voi.
SHARED MOBILITY
1 mese
Niente auto propria? Ci pensa «Smargo»
Furgoncini, scooter e risciò elettrici a noleggio.
Innovazione & energia
1 mese
Ecco perché l’idrogeno (non) è la cura miracolosa
L’entusiasmo per l’idrogeno si è raffreddato.
Innovazione & energia
07.05.2021 - 08:000

Come un consigliere federale cambiò la politica energetica svizzera grazie a un uovo sodo

La politica energetica moderna ha molti padri.

Uno di questi risalta però in modo particolare: l’ex consigliere federale Adolf Ogi. Con la sua sagace dimostrazione ha reso simpatico il risparmio energetico alla popolazione svizzera.

1988. Una padella. Due uova. Un dito d’acqua con un coperchio sopra. E una stanza piena di giornalisti. Oltre trent’anni dopo, l’ex consigliere federale Adolf Ogi sembra ancora stupito del fatto che la sua dimostrazione di cottura delle uova in una cucina bernese sia diventato un vero e proprio cult (cfr. video e infobox). Ne hanno parlato perfino in Nuova Zelanda. La dimostrazione fu il primo passo del programma energetico «Bravo».

«Bravo» e l’evento mediatico avevano uno scopo serio: spingere la popolazione svizzera verso il concetto di risparmio energetico con una simpatica dimostrazione e raccogliere consensi per l’imminente votazione sull’energia. «Volevamo raggiungere le persone con un evento divertente e interessante e farci comprendere con un messaggio semplice», spiega Ogi. La sua credibilità come ministro dell’ex Dipartimento federale dei trasporti, delle comunicazioni e dell'energia (ora DATEC) fu determinante; non per nulla Ogi era conosciuto come il consigliere federale della gente. La dimostrazione fu davvero simpatica, la causa scatenante invece era assolutamente l’opposto.

Le catastrofi distruggono anche l’opposizione più tenace

Sono due gli eventi che resero chiaro che la Svizzera aveva bisogno di una nuova politica energetica: nel 1973 la crisi del petrolio mise il nostro Paese di fronte alla sua dipendenza energetica dall’estero. La tanto aspirata svolta non riuscì però mai a vedere la luce: non importa che fossero i Cantoni, la politica o l’economia, l’opposizione bloccava tutti i tentativi. Si appoggiava sulla sovranità e sui soldi. Solo una seconda catastrofe riuscì a far sussultare la Svizzera: Chernobyl, 1986. Proprio come a Fukushima nel 2011, un incidente catastrofico fece esplodere la struttura di contenimento. «Ci volle un’immane catastrofe perché qualcosa cominciasse a muoversi», spiega Ogi.

E la dimostrazione di cottura ebbe grande successo: nonostante la forte opposizione, Ogi riuscì a mandare avanti la legge sull’energia «Energia 2000». Al contempo venne tuttavia stabilita una proroga per lo smantellamento delle centrali nucleari. Fu in quel momento che il lavoro di Ogi cominciò per davvero. «La domenica della votazione chiamai tutti ancora una volta: contrari all’energia atomica, rappresentanti del settore economico e delle associazioni ambientali, politici, scienziati», racconta. Fu determinante riuscire a portare tutti allo stesso tavolo. Ogi raccolse consensi da ogni parte.

Istinto e passione

«Talvolta avevo più nemici all’interno del mio stesso partito che non tra i nostri avversari politici», scherza. Il fatto che il Dr. Eduard Kiener, con cui Ogi sviluppò la sua nuova politica energetica, facesse parte del PS non semplificò le cose. La forza di Ogi stava tuttavia nel suo istinto e nella sua capacità di convincere le persone.

Il suo impegno per l’energia e l’ambiente è dovuto alle sue origini, spiega. Ogi: «Sono molto legato alla natura. Mio padre era forestale e guida di montagna e ha avuto una grande influenza su di me». Al momento della sua elezione al Consiglio federale non avrebbe mai pensato di ottenere il dipartimento a cui tanto ambiva, il DATEC. «Ma me l’hanno assegnato e ho cominciato a lavorare con grande passione», spiega.

Grazie alla sua passione, al suo istinto politico e alla sua vicinanza alla gente, riuscì infine a trovare il giusto equilibrio tra destra e sinistra, economia e associazioni ambientali. Oggi possiamo tranquillamente definire Ogi il padre fondatore della moderna politica energetica.

Il metodo di cottura Ogi per le uova
La dimostrazione di cottura delle uova di Adolf Ogi segna l’inizio della campagna energetica «Bravo». In un padellino viene versato un dito d’acqua e le uova vengono adagiate al suo interno. Il padellino viene coperto con un coperchio.
L’acqua viene portata a ebollizione a fiamma alta. Il fornello viene quindi spento e il calore residuo porta le uova alla cottura desiderata. Un successivo studio di S.A.L.T (Swiss Alpine Laboratories for Testing of Energy Efficiency) ha confermato l’efficacia del «metodo Ogi».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 09:53:43 | 91.208.130.86