Keystone / EPA
FILIPPINE
06.12.2017 - 12:280

Guerra alla droga, Duterte schiera di nuovo la polizia

Il presidente ha «mandato all'inferno» le associazioni in difesa dei diritti civili e i vescovi e i sacerdoti cattolici che hanno invocato la fine immediata dei massacri

MANILA - Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha «mandato all'inferno» i gruppi in difesa dei diritti umani che criticavano la sua decisione di schierare nuovamente la polizia nella controversa "lotta alla droga".

Duterte, due mesi fa, aveva deciso di non schierare più gli agenti a causa delle critiche crescenti. Ieri, invece, la retromarcia, apparentemente giustificata da una recrudescenza dei crimini legati alla droga. «Potete andare all'inferno, tutti voi» ha tuonato il presidente verso le associazioni in difesa dei diritti civili e i vescovi e i sacerdoti cattolici che hanno invocato la fine immediata dei massacri.

Duterte ha sempre giustificato le uccisioni di migliaia di persone legate al traffico di stupefacenti con la volontà d'impedire che le Filippine si trasformino in un "narco-stato".

 

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
duterte
droga
presidente
inferno
difesa diritti
diritti
polizia
difesa
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 06:49:10 | 91.208.130.87