Keystone
STATI UNITI
19.05.2017 - 21:000

Attacco hacker, «le accuse a Pyongyang sono ridicole»

«Ogni volta che accade qualcosa di strano lo stereotipo degli Stati Uniti e delle altre forze ostili è scatenare campagne contro Pyongyang», ha spiegato ai giornalisti Kim

PYONGYANG - Per la Corea del Nord il sospetto collegamento tra Pyongyang e l'attacco hacker che ha colpito 300 mila computer in 150 Paesi del mondo «è ridicolo»: lo ha detto il vice ambasciatore nordcoreano all'Onu, Kim In Ryong, durante una conferenza stampa al Palazzo di Vetro.

«Ogni volta che accade qualcosa di strano lo stereotipo degli Stati Uniti e delle altre forze ostili è scatenare campagne contro Pyongyang», ha spiegato ai giornalisti Kim.

Ad affermare il sospetto collegamento sono stati gli esperti americani di Symantec e Kaspersky Lab, secondo cui ci sono similitudini tra il codice individuato nel ransomware WannaCry, il software usato dagli hacker, e quelli utilizzati dal Lazarus Group, un gruppo di pirati informatici ritenuti al servizio della Corea del Nord.

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
pyongyang
hacker
kim
attacco
stati
attacco hacker
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-19 09:32:38 | 91.208.130.87